Cereali integrali per combattere diabete e ipertensione

Durante l'ultimo forum organizzato dalla Società di diabetologia è stato confermato nuovamente che una dieta appropriata è in grado di ridurre il rischio di sviluppare il Diabete di tipo 2 e può aiutare i malati a controllare meglio la glicemia

Durante l’ultimo forum organizzato dalla Società di diabetologia è stato confermato nuovamente che una dieta appropriata è in grado di ridurre il rischio di sviluppare il Diabete di tipo 2 e può aiutare i malati a controllare meglio la glicemia. L’alimentazione può avere un effetto sui processi infiammatori e sulle disfunzioni endoteliali, aspetti notoriamente coinvolti nella patogenesi del diabete di tipo 2 e delle malattie cardiovascolari. Da tempo conosciamo l’efficacia di alcuni alimenti nel contrastare questa patologia, tra essi spiccano i cereali integrali, infatti se metà della quota di cereali introdotti con la dieta deriva da prodotti non raffinati il rischio di ammalarsi di diabete di tipo 2 cala del 20-30%.

Il processo di raffinazione, eliminando il pericarpo e il germe di grano, elimina anche le fibre gli oligosaccaridi, i minerali, le vitamine, gli antiossidanti, in essi contenuti, utili nella prevenzione del diabete e delle malattie cardiovascolari. La dieta per contrastare il diabete dovrebbe perciò prevedere cereali integrali, prodotti funzionali in cui la digestione dell’amido è rallentata, e gli zuccheri sostituiti con oligosaccaridi o inulina, oppure ‘fortificati’ con fibre o probiotici. Gli elementi contenuti negli alimenti integrali rallentano la digestione, l’assorbimento dei carboidrati, rallentano lo svuotamento gastrico, influenzando positivamente la flora batterica intestinale, che può così contrastare l’infiammazione e produrre acidi grassi a catena corta che, riducendo a livello epatico la produzione di glucosio, ha benefici effetti sul controllo glicemico. Frutta, verdura e legumi non devono mai mancare perché hanno un ottimo effetto protettivo.

Inoltre, il consumo di cereali integrali aiuta a ridurre il grasso accumulato e a tenere sotto controllo il peso, grazie al senso di maggiore sazietà che provocano e al miglioramento delle funzioni intestinali. 

Di seguito potrete trovare alcuni tra gli studi scientifici che confermano il legame tra consumo di cereali integrali e prevenzione del diabete e dell’ipertensione.

Il recente studio pubblicato su Diabetologia ha valutato l’impatto di una dieta “salutare” (Healthy Diet), ricca in 3 specifiche componenti alimentari pesci grassi, mirtilli e cereali integrali sui biomarcatori di infiammazione e disfunzione endoteliale, in 131 soggetti con alterazione del metabolismo glucidico e caratteristiche tipiche della sindrome metabolica. I partecipanti, che avevano un’età media di 59 anni e un BMI medio pari a 31,1 sono stati invitati a seguire la Healthy Diet (HD), o  una dieta ricca in cereali integrali (WG), o infine  una dieta di controllo (CD) per 12 settimane, al termine delle quali sono state valutate la variazioni sui marcatori plasmatici E-selectina(marcatore di attivazione endoteliale)  e hs-CRP(marcatore di infiammazione). I livelli di E-selectina erano significativamente ridotti nei pazienti aderenti alla HD indipendentemente dall’uso di statine. Inoltre, i valori plasmatici di hs-CRP erano ridotti nei pazienti che non facevano uso di statine sia nel gruppo HD sia, e in maggior misura, nel gruppo WG. Questi risultati suggeriscono che nei soggetti a rischio di diabete è possibile integrare efficacemente i programmi di prevenzione intervenendo in modo semplice sull’alimentazione, in particolare integrando la dieta con i cereali integrali da soli o in associazione a mirtilli e pesci ricchi di acidi grassi omega -3.

In un altro studio sono stati valutati nuovamente gli effetti di questi alimenti (cereali integrali, mirtilli e pesce) sul metabolismo glucidico e lipidico di 106 soggetti a rischio di diabete di tipo 2, positivi ad almeno due criteri di sindrome metabolica. I partecipanti sono stati randomizzati a 3 diversi tipi di dieta: Healthy Diet (HD), ad elevato contenuto di cereali integrali o farinacei a bassa risposta insulinica, pesci grassi almeno 3 volte/settimana, e 3 porzioni/giorno di mirtilli; dieta ricca in cereali integrali (WG) contenente gli stessi elementi della HD limitatamente ai cereali; dieta di controllo (CD) contenente prodotti derivati da farine raffinate. La tolleranza al glucosio orale e i profili lipidici plasmatici sono stati misurati al basale e dopo 12 settimane di intervento. Nel gruppo HD è stato osservato il miglioramento della risposta glicemica (riduzione dei valori plasmatici a 2 ore e dell’area sotto la curva) e l’aumento dei livelli plasmatici di acidi grassi omega-3. Inoltre, l’aumento degli omega-3 si associava in modo lineare con la migliorata risposta insulinica e con il migliore metabolismo glucidico. Per quanto riguarda il profilo lipidico, la dieta HD si associava anche a una variazione della composizione dei grassi. L’insieme di questi risultati indica che una dieta arricchita in prodotti a base di farine integrali, mirtilli e pesce a elevato contenuto di omega-3 può essere una via semplice ed efficace per integrare le strategie di prevenzione del diabete di tipo 2 nei soggetti a rischio.

Gli effetti preventivi di una sana alimentazione sono riferiti non solo alla prevenzione del diabete ma anche di quella relativa a malattie cardiovascolari come l’ipertensione.

Un nuovo studio ha specificamente esplorato l’associazione tra il consumo di una colazione a base di cereali e il rischio di ipertensione in una popolazione di 13.368 soggetti maschi arruolati partecipanti al Physicians’ Health Study I (età media all’ingresso dello studio 52,4 anni; range 39,7-85,9 anni). L’assunzione di cereali a colazione è stata valutata tramite un questionario nei primi due anni di studio, successivamente i soggetti sono stati monitorati per 16,3 anni (follow-up mediano), durante i quali sono stati registrati 7.267 casi di ipertensione. I tassi di incidenza dell’ipertensione diminuivano all’aumentare del numero di porzioni settimanali di cereali assunte per colazione. In definitiva, chi faceva colazione con i cereali tutti i giorni della settimana, aveva un rischio di ipertensione ridotto di quasi il 20% rispetto a chi non ne consumava mai. E’ da sottolineare che questa correlazione era massima quando la colazione includeva cereali integrali ed era indipendente dall’indice di massa corporea dei partecipanti (normopeso, sovrappeso o obesi). In conclusione, il consumo della prima colazione è salutare e può concretamente avere un ruolo nella prevenzione cardiovascolare, soprattutto se include cereali integrali e diventa un’abitudine quotidiana.

Anche durante il simposio “Ricomporre il Puzzle dei Cereali Integrali: Benefici per la Salute” promosso dall’American Society for Nutrition (ASN) che ha coinvolto ricercatori da tutto il mondo, sono state esaminate le evidenze relative al ruolo nutrizionale dei cereali integrali. I lavori del simposio hanno evidenziato che l’assunzione di cereali integrali ha benefici multipli sullo stato di salute, in particolare:

•   Riduzione del rischio di patologie cardiovascolari, incluse le coronaropatie

•   Riduzione del rischio di diabete e tumori

•   Effetto positivo sul controllo del peso corporeo

•   Effetto positivo sulla salute gastrointestinale

 

Tali risultati dovrebbero incoraggiare l’introduzione dei cereali integrali come componente irrinunciabile della dieta e del sano stile di vita. Visto il ruolo che l’infiammazione svolge nello sviluppo di queste patologie vi consigliamo la lettura del seguente articolo, all’interno del quale troverete ulteriori approfondimenti.
 

mm
Informazioni su Studio Medico Perrone & Associati (546 Articoli)

Con sede in Corso Sempione 8 a Milano, propone un approccio integrato tra la Medicina allopatica e naturale. Da oltre 20 anni si occupa di Alimentazione, Intolleranze Alimentari e Medicina Estetica.