La FDA approva un nuovo farmaco per il controllo del peso . . .

La Food and Drug Administration ha approvato naltrexone cloridrato e bupropione cloridrato (compresse a rilascio prolungato) come opzione di trattamento per la gestione cronica del peso in aggiunta ad una dieta ipocalorica e all'attività fisica . . .

L’FDA approva nuovo farmaco per la gestione cronica del peso

Pillole dal Mondo n. 609 (17/09/2014)  

La Food and Drug Administration ha approvato naltrexone cloridrato e bupropione cloridrato (compresse a rilascio prolungato) come opzione di trattamento per la gestione cronica del peso in aggiunta ad una dieta ipocalorica e all’attività fisica. Il farmaco è approvato per l’uso negli adulti con un indice di massa corporea (BMI – Body Mass Index) pari o superiore (obesità) a 30 o negli adulti con un BMI pari o superiore a 27 (sovrappeso) che hanno almeno una condizione correlata al peso, come la pressione alta (ipertensione), il diabete di tipo 2, o il colesterolo alto (dislipidemia). Il BMI, che misura il grasso corporeo in base al peso e all’altezza di un individuo, viene utilizzato per definire l’obesità e le categorie di peso eccessivo. Secondo i Centers for Disease Control and Prevention, più di un terzo degli adulti negli Stati Uniti sono obesi.  Si tratta di una combinazione di naltrexone e bupropione in una formulazione a rilascio prolungato. Naltrexone è stato approvato per il trattamento di alcol e dipendenza da oppiacei. Bupropione è approvato per il trattamento della depressione e disturbo affettivo stagionale e come un aiuto per smettere di fumare. L’efficacia del farmaco è stata valutata in diversi studi clinici che hanno incluso circa 4.500 pazienti obesi e in sovrappeso con e senza significative condizioni correlate al peso, che sono stati trattati per un anno. Tutti i pazienti hanno modificato il proprio stile di vita con una dieta ipocalorica e regolare attività fisica. I risultati di uno studio clinico che ha arruolato pazienti senza diabete hanno dimostrato che i pazienti hanno avuto una perdita di peso media di 4,1 per cento rispetto al trattamento con placebo (pillola inattiva) in un anno. In questo tipo studio, il 42 per cento dei pazienti trattati con la combinazione di farmaci approvati dalla FDA ha perso almeno il 5 per cento del proprio peso corporeo rispetto al 17 per cento dei pazienti trattati con placebo. I risultati di un altro studio clinico che ha arruolato pazienti con diabete di tipo 2 ha mostrato che i pazienti hanno avuto una perdita di peso media del 2 per cento rispetto al trattamento con placebo. In questo studio, il 36 per cento dei pazienti trattati con naltrexone e bupropione ha perso almeno il 5 per cento del proprio peso corporeo rispetto al 18 per cento dei pazienti trattati con placebo.  Poiché contiene bupropione, la confezione riporta un boxed warning per avvisare gli operatori sanitari e i pazienti di un possibile rischio di aumento di pensieri suicidari, e comportamenti associati a farmaci antidepressivi. Il warning rileva inoltre che gravi eventi neuropsichiatrici sono stati riportati in pazienti che assumevano bupropione come aiuto per smettere di fumare.

La FDA ha richiesto diversi studi post-marketing.
Per maggiori informazioni leggi il comunicato stampa della FDA

A questo link troverete una serie di articoli correlati allo studio  

La FDA Food and Drug Administration ha approvato oggi Contrave (naltrexone cloridrato e bupropione cloridrato compresse a rilascio prolungato) come opzione di trattamento per la gestione del peso cronica in aggiunta ad una dieta ipocalorica e l’attività fisica. Il farmaco è approvato per l’uso negli adulti con un indice di massa corporea (BMI) di 30 o > (obesità) o adulti con un BMI di 27 o > (sovrappeso) che hanno almeno una condizione di peso-correlate, come l’ipertensione arteriosa, diabete di tipo 2, l’ipercolesterolemia.
Il BMI viene utilizzato per definire il grado di sovrappeso e/o obesità. Secondo i Centers for Disease Control and Prevention, più di un terzo degli adulti negli Stati Uniti sono obesi.

“L’obesità continua ad essere un grave problema di salute pubblica”, ha detto Jean-Marc GUETTIER, MD, direttore della Divisione di Endocrinologia e Metabolismo Prodotti nel Centro della FDA per la valutazione della droga e della Ricerca. “Quando usato in combinazione con uno stile di vita sano che comprende una dieta ipocalorica ed esercizio fisico, Contrave offre un’altra opzione di trattamento per la gestione cronica del peso per le persone che sono obesi o in sovrappeso e hanno almeno una condizione di salute peso-correlate”.
Contrave è una combinazione di due farmaci approvati dalla FDA, naltrexone e bupropione, in una formulazione a rilascio prolungato.
Naltrexone è approvato per il trattamento di alcol e dipendenza da oppiacei. Bupropione è approvato per il trattamento della depressione e disturbo affettivo stagionale e come un aiuto per il trattamento per smettere di fumare.
L’efficacia di Contrave è stata valutata in diversi studi clinici che hanno incluso circa 4.500 pazienti obesi e in sovrappeso con e senza significative condizioni di peso-correlate, trattati per 1 anno. Tutti i pazienti hanno modificato il loro stile di vita mediante una dieta a calorie ridotte e regolare attività fisica. 
I risultati di uno studio clinico che ha arruolato pazienti senza diabete ha dimostrato che i pazienti hanno avuto una perdita di peso media di 4,1% rispetto al trattamento con placebo (pillola inattiva) a un anno. In questo studio, il 42% dei pazienti trattati con Contrave ha perso almeno il 5% del loro peso corporeo rispetto al 17% dei pazienti trattati con placebo. 
I risultati di un altro studio clinico che ha arruolato pazienti con diabete di tipo 2 ha mostrato che i pazienti hanno avuto una perdita di peso media del 2% rispetto al trattamento con placebo a un anno. In questo studio, il 36% dei pazienti trattati con Contrave ha perso almeno il 5%  del loro peso corporeo rispetto al 18% dei pazienti trattati con placebo. I pazienti che utilizzano Contrave alla dose di mantenimento devono essere valutati dopo 12 settimane per determinare se il trattamento sta funzionando. Se un paziente non ha perso almeno il 5% del peso corporeo iniziale, Contrave deve essere interrotto, in quanto è improbabile che il paziente raggiungere e mantenere la perdita di peso clinicamente significativo con la continuazione del trattamento. Dato il contenuto di bupropione, Contrave ha un boxed warning per avvisare gli operatori sanitari e pazienti per l’aumentato rischio di pensieri e comportamenti associati con farmaci antidepressivi suicidi. L’avvertimento rileva inoltre che gravi eventi neuropsichiatrici sono stati riportati in pazienti che assumevano bupropione per smettere di fumare. Contrave può causare convulsioni e non deve essere utilizzato in pazienti che hanno disturbi convulsivi. Il rischio di convulsioni è dose-dipendente. Contrave può anche aumentare la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca e non deve essere usato in pazienti con ipertensione non controllata. Il significato clinico degli aumenti della pressione arteriosa e della frequenza cardiaca osservata con un trattamento Contrave è chiaro, soprattutto per i pazienti con patologie cardiologiche e cerebrovascolari (disfunzione dei vasi sanguigni che incidono il cervello), per questo i pazienti con una storia di infarto del miocardio o ictus nei 6 mesi precedenti, aritmie pericolose per la vita, o insufficienza cardiaca congestizia sono stati esclusi dagli studi clinici. La pressione arteriosa e la frequenza cardiaca devono essere misurati prima di iniziare il farmaco, e devono essere monitorati a intervalli regolari, in particolare tra i pazienti con ipertensione controllata prima del trattamento. Altri prodotti contenenti bupropione non devono essere presi insieme con Contrave. Il farmaco non deve essere usato in pazienti che hanno disturbi alimentari (bulimia o anoressia nervosa). Contrave non dovrebbe essere assunto da pazienti che stanno usando oppioidi o trattamenti per la dipendenza da oppiacei, o che stanno vivendo astinenza acuta da oppiacei. I pazienti sottoposti a una interruzione brusca di alcol, benzodiazepine, barbiturici e farmaci antiepilettici non devono assumere Contrave. Le donne in gravidanza o che cercano una gravidanza non devono assumere Contrave. Le reazioni avverse più comuni riportate con Contrave comprendono nausea, costipazione, cefalea, vomito, vertigini, insonnia, secchezza delle fauci e diarrea.

La FDA sta richiedendo i seguenti requisiti post-marketing:
– Studio su esiti cardiovascolari per valutare il rischio cardiovascolare associato all’uso di Contrave;
– Studio su efficacia, studi di sicurezza, e di farmacologia clinica in pazienti pediatrici (uno in pazienti da 12 a 17 anni di età, e uno in pazienti 7 a 11 anni di età);
– Studio clinico animale, studio di tossicità giovanile, con particolare attenzione alla crescita e lo sviluppo, nonché il comportamento, l’apprendimento e la memoria;
– Studio per valutare l’effetto di Contrave sulla conduzione cardiaca;
– Studi clinici per valutare il dosaggio nei pazienti con insufficienza epatica o insufficienza renale;
– Studio clinico per valutare il potenziale di interazioni tra Contrave e di altri farmaci.

 

mm
Informazioni su Studio Medico Perrone & Associati (546 Articoli)

Con sede in Corso Sempione 8 a Milano, propone un approccio integrato tra la Medicina allopatica e naturale. Da oltre 20 anni si occupa di Alimentazione, Intolleranze Alimentari e Medicina Estetica.